fbpx

Il benessere fisico per le mamme: intervista a Olja Jankovic, maternal fitness trainer di Mamika.care

trainer delle neomamme
25 Gennaio 2021
Categoria: Neomamme

Care mamme,

come sicuramente saprete, è molto importante per le neomamme prendersi cura di se stesse sia dal punto di vista psicologico/emozionale sia dal punto di vista fisico.  

Nel nostro piccolo, ci impegniamo perché possiate svagarvi e arricchirvi con contenuti dal mondo dell’arte e della cultura ma abbiamo deciso di farvi conoscere anche chi, invece –  con grande competenza, passione e innovazione – si prende cura del corpo delle donne nel pre e post parto.

Ho avuto il piacere di intervistare Olja Jankovic, maternal fitness trainer, punto di riferimento delle donne per il benessere fisico nel viaggio della maternità.

neomamma befana

Ciao Olja,

benvenuta nel nostro spazio “da mamma a mamma”, ci descriveresti brevemente di cosa ti occupi?

Ciao a tutte, io sono una maternal fitness trainer cioè mi occupo di fitness per le donne nel pre e nel post parto.

Dove si trova il tuo studio?

Lo studio in cui lavoro insieme ad altre due socie si trova a Lissone in provincia di Monza. Lavoriamo con le mamme di queste città e in generale della vicina Brianza. Abbiamo inoltre un progetto digitale che sarà presto online, travalicando in questo modo i limiti legati allo spazio.

In cosa consiste il vostro progetto?

Mamika.care, il nostro progetto, ha due obiettivi: curare e prevenire.

Da un lato proponiamo visite integrate con tre professioniste contemporaneamente: un’ostetrica, un’osteopata e una maternal fitness trainer (che sono io!) durante le quali è possibile usufruire di un primo trattamento osteopatico atto a liberare i meccanismi che aiutano l’ostetrica nella valutazione del pavimento pelvico.

L’osteopata si concentra quindi sul cilindro addomino-pelvico e io valuto, infine, l’addome per capire se possa esserci la diastasi, cioè l’allontanamento permanente delle superfici muscolari.

Una volta terminata la visita ci consultiamo e decidiamo in sinergia il percorso adatto per la mamma che tornerà in studio per le sedute con l’osteopata e per imparare gli esercizi per l’addome e per il recupero del pavimento pelvico

Potrà poi continuare una parte del suo percorso a casa e una parte in studio.

Il nostro secondo obiettivo è la divulgazione gratuita di informazioni scientifiche e tecniche che possano aiutare le donne a prevenire i problemi che possono seguire una gravidanza, perché la prevenzione è fondamentale per le problematiche che affrontiamo noi, come la diastasi e il prolasso pelvico.

La diastasi è poco conosciuta in Italia e purtroppo sottovalutata ma potrebbe avere anche delle conseguenze serie (non è solo una questione estetica, per intenderci!).

Durante la gravidanza, col crescere del pancione, i retti si separano per far posto al bambino ma a volte capita che, dopo il parto, questi non tornino al proprio posto. Di solito la separazione dei retti si risolve entro le prime 6 settimane dopo il parto ma se l’addome rimane rilassato anche a distanza di mesi, se si gonfia eccessivamente dopo i pasti o se si presenta un’ernia addominale, è probabile che si sia in presenza di una diastasi.

trainer delle neomamme

Quindi, chi si rivolge a voi?

Credo sia importante sottolineare che le nostre pazienti non sono solo le neomamme ma a tutte le donne che possono avere questi problemi anche a distanza di 10 anni dal parto. Possiamo intervenire anche in quel caso, a distanza di anni, ovviamente prima riusciamo a fare una valutazione meglio è.

Cosa consiglieresti dunque alle mamme?

Alle neomamme consiglio di farsi fare una valutazione intorno alla sesta settimana post parto (verso la fine del puerperio) perché anche con la pancia piatta si potrebbero avere, in realtà, dei problemi ben celati.

Suggerisco inoltre di riprendere progressivamente a fare attività fisica costante e di stare attente ai movimenti quotidiani come alzarsi dal letto, sollevare “l’ovetto” o tenere in braccio il bambino perché anche nella quotidianità bisogna fare attenzione a svolgere i giusti movimenti per prevenire per esempio il mal di schiena (diamo molti suggerimenti sui nostri canali social a riguardo).

E alle mamme in gravidanza cosa consiglieresti?

Alle donne in gravidanza suggerisco sicuramente di muoversi, di camminare circa trenta minuti al giorno, senza strafare. Si possono svolgere esercizi a basso impatto, soprattutto se si è già abituate ad un’attività fisica regolare.

Com’è stato accolto il vostro progetto dalle mamme?

Ah guarda, è stato incredibile!

Abbiamo avuto una riposta pazzesca perché farsi valutare nello stesso momento da tre professioniste diverse è una cosa insolita e innovativa. Ci siamo rese conto che per le mamme è molto utile poterlo fare contemporaneamente perché altrimenti dovrebbero andare in tre posti diversi, in tre giorni diversi e come sappiamo, quando si hanno dei bambini, l’organizzazione non è semplice.

E poi credo sia stato molto rassicurante per loro sapere che tre professioniste collaborino in sinergia per il bene comune del proprio corpo, con l’unico obiettivo comune di risolvere i propri problemi (es. mal di schiena, piccole perdite, pancia gonfia…).

Come possono contattarvi le mamme?

Possono chiamare il numero 392 4669118, possono seguirci su Facebook e su Instagram oppure inviare un’email a mamika.care@gmail.com

 

Grazie Oljia, è stato molto interessante. Hai trasmesso perfettamente la vostra passione nell’aiutare le donne prima e dopo il parto e trovo molto stimolante questo nuovo metodo di collaborazione interdisciplinare, una visita a sei mani che non si era mai vista!

 

Buona fortuna a Mamika.care.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Pin It on Pinterest